Web Search Strategies in Plain English

ovvero: strategie di ricerca sul Web in parole semplici, oppure strategie di ricerca sul web in parole povere, oppure strategie di ricerca sul web spiegate semplicemente, oppure…

In quanti modi si può tradurre “in Plain English”? Mah..

Questo è solo l’inizio, perché in questo caso il video è solo un pretesto per una riflessione sulle traduzioni.

Anche perché per la traduzione su DotSub dell’ultima fatica di Commoncraft questa volta qualcuno mi ha preceduto.. 😉

E meno male, perchè il video contiene un caso davvero particolare di “intraducibilità culturale”.

Ecco cosa accade: gli autori hanno pensato di inserire nel video un esempio relativo a parole che hanno un doppio significato e che pertanto presentano problemi quando si fanno ricerche sul Web.

Provate a pensare a quali esempi avreste fatto…

Beh, loro ne hanno trovato uno praticamente…intraducibile: la parola mullet. Il dizionario vi dirà che significa “triglia” o “muggine” (già qualcosa non torna, come si fa a confondere un muggine con una triglia???). In inglese però mullet è anche un tipo (discutibile :-)) di taglio di capelli! Tutto ciò in italiano (e in molte altre lingue), non ha alcun senso (in italiano, secondo Wikipedia, questo taglio si chiama “capelli alla tedesca”). Il sottotitolo recita tuttavia “considera la parola TRIGLIA, che è sia un pesce che un taglio di capelli”!!!

Questo fatto mi fa riflettere sulle difficoltà insite nella traduzione e sulla nostra perenne illusione che la tecnologia possa risolvere ogni tipo di problema: DotSub è una grande idea, ma non può nulla  un caso come questo, nel quale non basta sottotitolare, ma sarebbe necessario modificare il video stesso!

Chiaro, gli autori si sono ispirati alla metafora del “mare, oceano” (il web come oceano di informazioni..), quindi la triglia (o il muggine) sono pertinenti, però noi italiani avremmo sicuramente usato “pesca”, per l’esempio, no?

2 Responses to “Web Search Strategies in Plain English”


  1. 1 Marialetizia Mangiavini Ott 14th, 2008 at 14:50

    Ho letto con interesse la riflessione sulla traduzione. Poichè me ne occupo da tempo (traduzione dal latino, in modo magari non troppo convenzinale) mi piacerebbe scambiare opinioni a partire dal post che ho pubblicato nel mio blog. Un punto di vista diverso, di un non esperto disciplinare , ma di esperto di competenze (se non sbaglio lavori sulla competenza digitale e sulla sua valutazione. In tema di CCK08 e di network… Quest\\\’anno a Didamatica il prof. Calvani ha dato quella che a mio parere è una delle def più semplici e più pertinenti della competenza: conoscenze e abilità sono risorse, competenza è il modo di usarle. (molto in sintesi…)Vedi tu, se ne hai voglia e tempo.
    http://mletizia.blogspot.com/

  2. 2 Nitro81 Mag 22nd, 2012 at 10:06

    Il traduttore di google o altri servizi automatici non riusciranno mai ad interpretare perfettamente le sfaccettature di una lingua, basti pensare alle espressioni idiomatiche!

Leave a Reply




in English

Google
 
Web questo sito

RSS feed generale
Feed for English posts

Powered by FeedBurner


View anto's profile on slideshare

I support I support free learning
DCA

Anto's shared items in Google Reader


follow antonf at http://twitter.com


Visualizza la mia pagina su Codice Internet


Poesia automatica


by Voodoobytes
lunatiche bambine
assalgono
grassi marosi

Libri su aNobii


My StumbleUpon Page