Vivere "in sicurezza"

Faccio finta di non pensare che meno di un’ora prima di esplodere tragicamente a Viareggio, quel treno era passato a poche centinaia di metri da casa mia e comunque aveva attraversato il mio quartiere chissà quante altre volte.

Ieri ho sentito in un telegiornale Roberto Vecchioni (chissà cosa c’entrava..) dire che c’è stata anche sfortuna perché quel treno avrà attraversato centinaia di chilometri di campagna poco abitata ed è andato a esplodere proprio lì, in una zona urbana.

A parte che si può credere o meno alla sfortuna, di "campagna disabitata" in Italia, caro Vecchioni, ce n’è ben poca! Basta percorrere una qualsiasi autostrada o guardare dal finestrino del treno per vedere case, case, case…

In un paese così densamente abitato come l’Italia, la sicurezza dei trasporti e delle abitazioni dovrebbe essere al primo posto. Tra l’altro il recente terremoto in Abruzzo avrebbe già dovuto far riflettere…

1246451885213_ddca2Forse è opportuno che ognuno si guardi un po’ intorno, partendo dall’ambiente in cui vive, per capire quali possono essere i rischi.

E allora mi chiedo: qui, a La Spezia, viviamo in sicurezza?

Le amministrazioni che stanno discutendo del raddoppio (per ora la Regione è contraria, ma per motivi "politici") del gassificatore di Panigaglia, chi parla di "contropartite", gli ambientalisti, tutti i cittadini del Golfo hanno realizzato che il disastro di Viareggio è stato causato da una ferrocisterna contenente "solo" 30 metri cubi di gas liquido mentre qui arrivano quasi giornalmente navi metaniere da ben 65.000 metri cubi (da Wikipedia: "Il rigassificatore è rifornito da navi metaniere che attraversano il Golfo della Spezia")?

Pensiamoci bene:

30 metri cubi = catastrofe, strage, gravi danni nel raggio di 300 metri

e …65.000, ovvero una quantità più di DUEMILA VOLTE superiore?

Attenzione: anche le ferrocisterne erano "controllate" e "sicure"! Anche a Viareggio "è la prima volta che accade"!

Qui però, la prima potrebbe essere davvero l’ultima!

Chiudiamo Panigaglia, finché siamo in tempo!!!!

0 Responses to “Vivere "in sicurezza"”


  1. No Comments

Leave a Reply




in English

Google
 
Web questo sito

RSS feed generale
Feed for English posts

Powered by FeedBurner


View anto's profile on slideshare

I support I support free learning
DCA

Anto's shared items in Google Reader


follow antonf at http://twitter.com


Visualizza la mia pagina su Codice Internet


Poesia automatica


by Voodoobytes
perplessi antichi
liberano
leggiadre lettighe

Libri su aNobii


My StumbleUpon Page