TENCompetence Winter School 2008

image

Ho avuto il piacere di frequentare la Winter School 2008, organizzata dal progetto europeo TENCompetence.

Sono stati 5 giorni passati in al Grillhof, in un ambiente naturale stupendo, appena fuori Innsbruck, in compagnia di una quarantina di persone, docenti universitari e studenti di PhD, esperti e consulenti, giovani e meno giovani, tecnici e specialisti di didattica, provenienti praticamente da tutta Europa, Russia inclusa, e dagli USA (ricca documentazione fotografica è disponibile su flickr).

Il programma della scuola è stato intenso e ricco di spunti utili per il lavoro e la ricerca e il dettaglio di alcuni potrebbe essere argomento di post specifici. Adesso sto però riflettendo sull’evento in generale e ne traggo alcuni flash, pensieri un po’ a ruota libera:

  • è stato un evento organizzato in modo ottimo. Tutto è filato liscio, dalle sistemazioni in camere a dir poco immacolate, al cibo (ottimo e abbondante, ma veramente ;-)) alle sale e attrezzature tecniche, fino alle attività sportive (pullmann riservato per farsi una sciata, un pomeriggio) e sociali. Solo l’indisponibilità della rete wireless nelle camere ha impedito il raggiungimento della perfezione!!
  • Il gruppo dei partecipanti ha legato subito. Certo, il social event della prima serata, con bevande gratis a volontà, chitarre e canti, ha avuto il suo peso nel creare un ambiente caldo e amichevole :-).
  • I relatori hanno (praticamente tutti) proposto relazioni che includevano una parte interattiva: lavori di gruppo, domande e risposte, hands-on su software. Così non non c’è stato modo di annoiarsi..;
  • il programma era parzialmente open. I partecipanti hanno potuto proporre temi di loro interesse e organizzare sessioni dedicate ad argomenti specifici. Io stesso sono intervenuto nella sessione dedicata ai Social Software, nella quale ho illustrato l’esperienza di LTEver e, come caso di studio specifico, il ruolo della comunità durante il corso OpenEd;
  • è stata un’occasione eccezionale per confrontare idee, lavori svolti e progetti, situazioni personali e istituzionali dei diversi Paesi. Posso dire di avere imparato di più chiacchierando a pranzo, nei break o durante una serata al pub, rispetto alle pur interessanti lezioni. Per non parlare dell’allargamento delle reti di relazioni derivanti dall’iniziativa!
  • La presenza si dimostra un elemento insostituibile per instaurare relazioni. Con molti dei partecipanti avremmo forse potuto conoscerci virtualmente, ma non sarebbe stata la stessa cosa. Temo che il potere aggregante di una tiratissima partita a ping-pong sia nettamente superiore a quello di un paio di commenti su un blog!!
  • Serve una lingua comune per l’Europa. Non se la prendano coloro che pensano sia sbagliato appiattirsi sull’inglese… Nessuno vuole sostituire le lingue e le culture nazionali ma se vogliamo davvero costruire un Europa condivisa dobbiamo poter parlare e capirci reciprocamente. L’inglese, oggi, sembra l’unico modo praticabile. Allora, anche noi "mediterranei" dovremmo adeguarci a quanto già accade in Olanda e nei Paesi Scandinavi, dove praticamente tutti parlano l’inglese come seconda lingua madre e non stentano o faticano come la maggior parte di noi (incluso il sottoscritto che, però, stavolta, se l’è cavata piuttosto bene :-));
  • il problema linguistico si estende ai blog e siti personali. Come si fa a mantenere relazioni virtuali se non si condivide la lingua? Avevo anche già postato su questo argomento. A questo punto sto seriamente pensando di aprire un altro blog in inglese o trovare il modo per duplicare questo. Vedremo…
  • Le relazioni internazionali: non conosco le statistiche sull’utilizzo delle opportunità di interscambio (Erasmus e altri programmi) da parte degli studenti italiani. Ho il timore che non siano gettonatissimi… Credo invece che si dovrebbero fortemente incentivare (magari con qualche finanziamento ad hoc… ehh vabbé, lasciamo stare, sigh…) gli studenti universitari a fare questo tipo di esperienza, fino forse a renderla obbligatoria o quasi, magari solo a livello delle Lauree Magistrali, un po’ come succede oggi per il tirocinio.

0 Responses to “TENCompetence Winter School 2008”


  1. No Comments

Leave a Reply




in English

Google
 
Web questo sito

RSS feed generale
Feed for English posts

Powered by FeedBurner


View anto's profile on slideshare

I support I support free learning
DCA

Anto's shared items in Google Reader


follow antonf at http://twitter.com


Visualizza la mia pagina su Codice Internet


Poesia automatica


by Voodoobytes
biliardi maschili
disprezzano
marescialli romantici

Libri su aNobii


My StumbleUpon Page