Le tecnologie servono

Ogni tanto capita un post "bello tosto", una milestone direbbero gli anglofoni, che spesso provoca un’ampia eco di discussione in varie "case e piazze virtuali".

E’ il caso di Gianni Marconato che ieri, nel post "Le tecnologie non servono", spiega ancora una volta, con passione, quasi "urlando", che pensare alle tecnologie come il mezzo principale per rinnovare (e migliorare) la didattica e la scuola in generale, è un’illusione pericolosa.

Bene, è una posizione assolutamente condivisibile ed è importante che qualcuno lo dica così "forte e chiaro"!

Gianni conclude proponendo una specie di moratoria:

L’unica cosa sensata che si può fare, oggi, a proposito di tecnologie e didattica è dimenticare le tecnologie, di fare come se non esistessero. Di non parlare più di tecnologie come strumenti a sé stanti. Di non iniziare nessun discorso “sulle” tecnologie, di non fare nessun progetto di (pseudo) innovazione con il focus sulle tecnologie.

E’ ovvio che si tratta di una provocazione. In ogni caso mi chiedo se il rimedio non sia peggiore del male..

Sì, perché il problema è che le tecnologie, piaccia o no, esistono e, soprattutto, servono!

Servono a farmacisti, medici, impiegati, operai, a chiunque viva in questo mondo!

Servono a tutti i cittadini di oggi, inclusi ovviamente insegnanti e studenti :-).

Penso sia giunto il momento di abbandonare ragionamenti del tipo "servono o non servono – innovano a non innovano – migliorano o non migliorano". Del resto, nessuno fa domande simili pensando ad  una "tecnologia" di base come la scrittura!

Né possiamo immaginare un insegnante che vada in cattedra senza sapere leggere o scrivere!!

Ebbene, è il caso di ricordare ancora una volta le "competenze chiave" proposte a livello europeo già dal 2006. Sono otto ma vorrei elencare qui soltanto le prime quattro:

  • Comunicazione nella madrelingua;
  • Comunicazione nelle lingue straniere;
  • Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia;
  • Competenza digitale;

La scuola non può continuare a discutere se la LIM o qualche altra diavoleria tecnologica sia la chiave per il miracolistico rinnovamento (e su questo Gianni ha sacrosanta ragione!) ma neanche pensare di poter ignorare le sue responsabilità!

Il sistema educativo ha il dovere di formare cittadini che posseggano, tra le altre, anche la competenza digitale, ovvero:

…saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell’informazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa è supportata da abilità di base nelle TIC: l’uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet.

E proprio ieri l’edizione online della Stampa riportava un richiamo della Commissione Europea su questi temi, che il giornale torinese sintetizzava così:

La Commissione esorta gli Stati membri perchè aiutino i cittadini a familiarizzare con le tecnologie.

Signori, qui c’è molto da fare per il mondo della scuola!!!

E pensare che vi sono ancora molti docenti (e dirigenti…) che addirittura ostentano una specie di "snobismo tecnologico" alla rovescia ("ah, io di computer non ci capisco niente") come se fosse un titolo di merito. Credo sia francamente inaccettabile.

Quindi, d’accordo con Gianni smascheriamo cavalli di Troia, piazzisti e falsi innovatori, smitizziamo il potere taumaturgico delle tecnologie in classe ma ricordiamo anche che esse fanno parte della nostra vita ed è necessario un impegno del sistema educativo affinché tutti vi abbiano accesso in modo consapevole e competente.

Servono buoni docenti, che tra le loro molteplici competenze, abbiano anche quelle tecnologiche. Non per innovare: semplicemente per insegnare.

4 Responses to “Le tecnologie servono”


  1. 1 Gianni Marconato Ott 4th, 2009 at 16:46

    .. Antonio … Antonio … mi obblighi alla fase 2 (che volevo scrivere e postare tra qualche giorno)

  2. 2 Pierfranco Ravotto Ott 11th, 2009 at 22:03

    Ciao Anto (e ciao Gianni)

    concordo su \

  3. 3 Min Zo Lin Ott 21st, 2009 at 12:09

    Ho scoperto oggi questo blog e mi sono subito abbonato ai Feed.
    Complimenti per i contenuti.

  4. 4 Cinzia Bocchi Ott 9th, 2010 at 22:40

Leave a Reply




in English

Google
 
Web questo sito

RSS feed generale
Feed for English posts

Powered by FeedBurner


View anto's profile on slideshare

I support I support free learning
DCA

Anto's shared items in Google Reader


follow antonf at http://twitter.com


Visualizza la mia pagina su Codice Internet


Poesia automatica


by Voodoobytes
amabili tigri
perfezionano
nere porcellane

Libri su aNobii


My StumbleUpon Page