Italia.it

Impazza sui blog la polemica sul mega-portale dedicato al turismo in Italia: Italia.it.

C’è di tutto, addiritura un blog dedicato ma, come al solito, Punto Informatico è sempre un …punto di riferimento!

Dove sta il problema? In sintesi, pare che abbianomo speso circa quarantacinquemilionidieuro (lo scrivo anche in cifre che rende meglio l’idea: €45.000.000,00) per un portale che, a quanto si dice, è prima di tutto tecnicamente inadeguato, non adeguato alle specifiche di accessibilità della legge Stanca (così impariamo noi “specialisti” di e-learning ad ammattire dietro alle piattaforme-più-o-meno-accessibili), senza parlare dei contenuti scarsetti, ecc.

Penso sia opportuno farci un giretto e farsi un’idea: io l’ho fatto, molto rapidamente, e devo dire che la prima impressione è quella della classica vetrina luccicante. Molti effetti speciali, animazioni Flash (lentissime) come se piovesse…L’interno è un insieme strano di contenuti originali (pochi pochi..) e mashup, temo tutti pagati fior di euro (ad esempio gli orari dei treni sono quelli di Trenitalia, anche se non c’è scritto, e il meteo viene da ilmeteo.it … e c’è pure scritto!!). Chissà i dati degli alberghi dove li hanno presi.. questa parte non è male: ci sono anche i prezzi indicativi ma non, che sarebbe mooolto più utile, il link al sito, salvo rare eccezioni.

Tutto questo vale la cifra spesa? Difficile crederlo. E inoltre: quanto costerà in futuro per l’aggiornamento? Se, come si sussurra, il solo (brutto, secondo me) logo è costato 100.000 euro, c’è pochissimo da stare allegri…

technorati tags:

Leave a Reply




in English

Google
 
Web questo sito

RSS feed generale
Feed for English posts

Powered by FeedBurner


View anto's profile on slideshare

I support I support free learning
DCA

Anto's shared items in Google Reader


follow antonf at http://twitter.com


Visualizza la mia pagina su Codice Internet


Poesia automatica


by Voodoobytes
foche barbare
circuiscono
professoresse comuniste

Libri su aNobii


My StumbleUpon Page