CCK08 – Week 2 – Schools and rizhomes

Reading the Cormier’s article I was struck by the vision of rhizomatic model of education as a sort of chaotic, completely guideless learning (Cormier says “curriculum is not driven by predefined inputs from experts”, ) that seems incompatible with the very notion of course and school (for example, is this course a rhizomatic experience?).

And what about the experts? I still advocate the need of experts! In my previous post about “ordinary connectivism” I presented an example in which experts were “special nodes” in our daily knowledge network.

Neverthless, the point is that anyone could be expert in something. This could seem trivial, but I guess this is a big point in which our schooling system seems unsuitable.

Schools are grounded on the idea that only teachers are experts, while students are usually semi-empty brains to be filled with notions. Students with peculiar abilities are rarely appreciated at school, if they are not aligned with the mainstream of the (mostly fixed) curriculum.

This way, schools encourage a very low level of epistemic belief in their students: the absolute knowing, in which “knowledge is always certain and it is obtained from authorities” (Jonassen, Marra & Palmer, 2004).

Unfortunately, this dramatically unfits with the multiplicity and flowing nature of knowledge (“knowledge is not static”, G.Siemens), nowadays!

Even if I’m not for de-schooling our society and I don’t (yet?) realize how “community can act as curriculum”, I’m as much convinced that schools must change, if they want to keep up with our changing society, maybe including some forms of rhizomes inside them…

1 Response to “CCK08 – Week 2 – Schools and rizhomes”


  1. 1 Marialetizia Mangiavini Set 22nd, 2008 at 15:15

    Mi scuso per il commento in italiano, ma ho grossi problemi di tempo…le mie scarse abilità in inglese avrebbero richiesto un dispendio molto maggiore.Metterò il commento anche nella comunità italiana…
    Concordo con molte delle cose che dici , e questo filone, tra i molti del corso , è forse quello che mi interessa maggiormente.
    Gli esperti occorrono.Altrimenti come si accresce la conoscenza?
    Siamo tutti esperti di qualcosa. Ma dobbiamo essere anche individuati come tali. In rete la validazione delle fonti è fatto piuttosto delicato. .
    Dato che il telling stories è un metodo che mi piace molto, racconto anche io una piccola storia.
    Ho conosciuto Antonio Fini a Didamatica, un paio d’anni fa. Dopo la mia relazione mi ha cercato per farmi i complimenti per il lavoro. Mesi dopo, cercando in rete qualche cosa riguardo ad un modulo di Moodle, trovo il mio nome associato ad un blog, Anto’s stuff, in cui recensiva Didamatica e diceva che ero tra i pochi ad usare il modulo Workshop (per il peer assessment) di Moodle.Curiosa, vado al suo blog. E trovo una quantità di review interessanti di strumenti, ambienti, riflessioni sulle tecnologie. Vedo le sue credenziali, metto alla prova queste review..insomma, lo valido. Inserisco il suo blog nel blogroll, in seguito in google reader.. nel mio network . perché? Perché l’ho validato come esperto, perché opera già una selezione dei tanti strumenti presenti in rete… Come ho fatto? A voi le riflessioni…
    No more school, no more books? No , grazie.http://whereoldmeetsnow.edublogs.org/2008/09/15/no-more-school-no-more-books-no-more-verifiable-knowledges-dirty-looks/ Non tutto il vecchio va buttato…
    Da qualche parte le basi andranno insegnate… E poi, pensiamoci.. Da dove deriva l’autorevolezza di autori (filosofi, letterati, scienziati) che si studiano a scuola in una dimensione molto storicista come quella italiana? Da un connettivismo ante litteram, anche se molto più ridotto quanto a numeri e “globalizzazione” e supportato dalla sola tecnologia della scrittura… . Chi ha deciso, per esempio, che Petrarca era il modello perfetto per la poesia italiana? Non un solo individuo, ma un ampio dibattito tra gli intellettuali dell’epoca, che ha costruito conoscenza… E forse mostrare questa societas letteraria in azione è più utile che saper la data di nascita del Bembo…
    Cambiare la scuola? Questo si, e tanto. Non più scuola dei contenuti, ma attraverso i contenuti, e per le competenze (termine molto di moda ma assai poco praticato, se non ai livelli più bassi..)Credo che nessuna teoria dell’apprendimento possa essere l’unica; ognuna ha vantaggi e svantaggi. Meglio usarne diverse, laddove siano efficaci. Meglio attivare gli studenti. Considerare la classe come network, per un apprendimento tra pari ,usando anche le tecnologie come ambiente di interazione. E laddove fossero realmente esperti, che insegnino loro al docente, in uno scambio proficuo non solo per risultati, ma per motivazione (anche qui avrei esempi…)

Leave a Reply




in English

Google
 
Web questo sito

RSS feed generale
Feed for English posts

Powered by FeedBurner


View anto's profile on slideshare

I support I support free learning
DCA

Anto's shared items in Google Reader


follow antonf at http://twitter.com


Visualizza la mia pagina su Codice Internet


Poesia automatica


by Voodoobytes
cinerei condor
aspettano
brune voragini

Libri su aNobii


My StumbleUpon Page