Archivio per novembre, 2006



The end

end.jpg

Come eravamo..

O meglio come erano i nostri siti web nel passato?

La Internet Archive Wayback Machine è una “macchina del tempo” del Web: vi si trovano, implacabilmente archiviate, dieci miliardi di pagine archiviate fino dal 1996!

Ad esempio: ecco la home page di Unifi, com’era nel1997 🙂

Un caleidoscopio

George Siemens, Knowing Knowledge

siemens.jpgGeorge Siemens ha pubblicato un libro nel quale presenta in modo organico il suo pensiero, ispirato dal principio, da lui stesso ideato, del connettivismo.

Non ho ancora letto il libro ma trovo estremamente interessanti le modalità di pubblicazione.

Siemens distribuisce il libro con licenza Creative Commons e in diversi formati: dall’ormai classico PDF al meno usuale wiki (i lettori diventano co-autori?), fino ad una versione stampata (on demand) a pagamento, tramite Lulu. Il tutto corredato da un sito di riferimento.

Notevole!

technorati tags:, ,

E-learning 2.0, il libro e il blog

PRODUCT_1205_F.jpgE’ appena uscito, per l’editore Erickson, il libro E-learning 2.0, curato da Giovanni Bonaiuti. Anche io ho contribuito al libro, realizzando le schede tecniche, relative alle principali “strumentazioni” del Web 2.0 (ad es. blog, social networking, wiki, ecc.) e il glossario. 🙂
Giovanni ha pensato di lanciare anche un blog per proseguire il discorso iniziato con il libro e tenere in qualche modo i contatti con i lettori. L’idea mi trova pienamente d’accordo, pertanto, ci rileggeremo presto anche lì…

technorati tags:,

Bay City

BayCityg.jpgBay City, di Richard K. Morgan, è un libro di ben 514 pagine che si vorrebbe posizionare (almeno credo..) nel cosiddetto filone cyberpunk. L’autore ha realizzato un mix di personaggi, ideee e atmosfere provenienti da William Gibson e Philip K. Dick senza, ahimè, lo spessore di questi autori. Il risultato è un fumettone fantascientifico che, pur con alcuni buoni spunti, rimane superficiale e complessivamente non mi convince.

L’idea che la personalità possa essere digitalizzata era già stata avanzata da Gibson, come pure le IA (intelligenze artificiali) lavoravano già in Neuromante. Morgan si dilunga tuttavia in particolari tecnologici (ad esempio, il backup a distanza della personalità che solo gli straricchi possono permettersi) ma non “colpisce” certo il lettore come Dick nè riesce a descrivere in modo convincente questa società futura. I corpi da “indossare”, il sesso virtuale, alcuni ultra-ricchi che possono praticamente pagarsi l’immortalità, droghe di ogni tipo, fanno da sfondo alle avventure di Takeshi Kovacs, una specie di futur-Rambo cyberpunk alle prese con uno strano suicidio, nella San Francisco (Bay City) del 25° secolo.

Una nota divertente: la IA che gestisce (diciamo così..) l’albergo dove alloggia il protagonista si chiama …Hendrix…Esilarante l’incontro in un ambiente virtuale con Kovacs, indovinate un po’ con quale aspetto fisico si presenta la IA?

technorati tags:

Net-Snobbismo

In un’intervista pubblicata nel supplemento libri di Repubblica di sabato scorso, Frederick Forsyth, il noto autore inglese di thriller, ha affermato di non usare Internet per le ricerche in quanto, a suo dire, vi si trovano “informazioni già note e spesso non accurate“. Forsyth precisa che se, ad esempio, avesse necessità di dettagli sullo smaltimento delle scorie nucleari, preferirebbe “passare mezza giornata con il più grande esperto inglese sull’argomento”.

Mi pare un mirabile esempio di snobbismo culturale: caro Forsyth, purtroppo noi comuni mortali non possiamo telefonare ai “più grandi esperti” nazionali e internazionali di ogni branca dello scibile, ogni volta che ci serve un’informazione!

Più modestamente, però, ci rivolgiamo spesso e volentieri a siti come Wikipedia, traendone generalmente informazioni utili e, spesso, molto accurate! Pensi un po’, parlano anche di lei!!!

technorati tags:,

Vyew

Vyew è un servizio di Web Conferencing che offre una gamma di funzioni di alto livello, inclusa una chat testuale, la condivisione del dektop e di applicazioni, una whiteboard condivisa e molto altro. E’ tutto realizzato in Flash, e attualmente è disponibile solo in versione gratuita. In pratica, ci si registra e si ottiene una sessione alla quale si possono invitare fino a 20 partecipanti, via email. A quel punto si lavora in conferenza privata.

E’ ancora carente la parte audio che, per il momento, si appoggia ad un servizio americano di audioconferenza (chiaramente inapplicabile per noi…).

Tuttavia, si potrebbe tentare l’utilizzo abbinato con Skype che ultimamente ha portato a 10 il numero di utenti in audioconferenza. Certo, il tutto è un po’ macchinoso ma, insomma, stiamo parlando di servizi totalmente gratuiti!

technorati tags:

Blog, post e commenti

Nei giorni scorsi, grazie a Tony Karrer e a Stephen Downes, si è sviluppata una interessante conversazione sull’uso dei blog. Il punto critico evidenziato da Tony è: se la maggior parte dei lettori utilizza aggregatori RSS il risultato finale è che, mentre i post originali sono ben evidenziati, i commenti lo sono molto meno e, nella maggior parte dei casi, diventano totalmente invisibili. E’ un peccato, perchè spesso i commenti e i contro-commenti sono interessanti quanto e più del post!

E’ vero che molti blog offrono feed sia per i post che per i commenti ma, insomma, le cose si complicano.. o no?

Cosa è meglio fare, allora? Evitare i commenti e scrivere magari un nuovo post nel proprio blog?

technorati tags:,




in English

Google
 
Web questo sito

RSS feed generale
Feed for English posts

Powered by FeedBurner


View anto's profile on slideshare

I support I support free learning
DCA

Anto's shared items in Google Reader


follow antonf at http://twitter.com


Visualizza la mia pagina su Codice Internet


Poesia automatica


by Voodoobytes
canori tonni
testimoniano
superficiali cavallette

About

You are currently browsing the Anto'stuff weblog archives for the month novembre, 2006.

Longer entries are truncated. Click the headline of an entry to read it in its entirety.

Categories


Libri su aNobii


My StumbleUpon Page