Archivio per ottobre, 2006

Anagrafe tributaria

spyware.jpgE’ un po’ di tempo che il tema “fisco” mi attira inesorabilmente!

La notizia del giorno è ovviamente l’accesso abusivo ai dati fiscali di politici, calciatori, veline ecc. ecc. Stando ai giornali, il database del fisco non conterrebbe soltanto i dati delle dichiarazioni fiscali ma anche molte altre notizie interessanti su acquisti, contratti, movimenti finanziari.

Sicuramente è giusto che ora siano indagati coloro che illegalmente accedevano e utilizzavano queste informazioni ma, mi chiedo, non sarebbe il caso di verificare anche perché questi dati sono così poco utilizzati legalmente?

Se dai database dell’anagrafe tributaria si può sapere tutto o quasi sul “profilo economico” dei cittadini, perchè queste informazioni non si usano, una volta per tutte, per scovare chi non paga le tasse?

Allora puniamo questi funzionari e finanzieri, non perchè curiosano troppo, ma perché lo fanno troppo poco!!!

technorati tags:

OpenLearn

Il 25/10 la Open University ha lanciato OpenLearn. Si tratta di un sito, udite udite, basato su Moodle, nel quale la OU mette a disposizione del mondo, sotto licenza Creative Commons, numerosi corsi e risorse.

Come già avvenuto per il MIT con il suo OCW, la OU imbocca la strada della diffusione aperta dei corsi.
A differenza di OCW, su OpenLearn spicca la presenza di forum e altre attività, presenti anche all’interno dei singoli corsi, utilizzabili dagli utenti registrati. Sono evidentemente indice di una volontà di interazione, aldilà della semplice esposizione dei contenuti!

Non solo, esiste anche la versione LabSpace, rivolta a insegnanti e formatori, che include tool collaborativi (interessantissmo FlashMeeting!) e la possibilità di partecipare attivamente al remix dei contenuti e delle attività, oltre che ad attività di ricerca connesse con OpenLearn. Remix significa, ad esempio, che ognuno può scaricare l’intero corso (in formato XML, ma con immagini e altre risorse), modificarlo (ad esempio traducendolo…) e ricaricarlo sul server di LabSpace come versione aggiornata.

E’ notevole anche la scelta di Moodle come piattaforma. Era noto l’impegno della OU su Moodle, ora se ne possono vedere gli effetti in pratica! Ogni unità messa a disposizione è un corso di Moodle…

C’è molto da imparare…. 🙂

p.s.: piccolo particolare, tutto quanto è finanziato con la bellezza di 5.65 milioni di sterline, dalla William and Flora Hewlett Foundation.
Hewlett, Hewlett… dove ho già sentito questo nome? 😉

technorati tags:, ,

MoMb

Certo, il MoMA è un museo famoso ma, tutto sommanto, anche questo MoMb (Museum of Modern Betas) non sfigura. Una incredibile collezione di siti in versione beta più o meno perenne, come è ormai di moda nel Web 2.0. Il sito ne riporta più o meno 2000…

technorati tags:,

I blog personali

Riprendo da Mauro Lupi una discussione sul senso dei blog: condivido le considerazioni di Mauro, il blog è un anche po’ il “volto umano” della rete…

Non solo: personalmente apprezzo molto proprio i blog generalisti, o personali. Rispetto ai blog tematici, che ovviamente hanno la loro importanza, trovo che siano realmente punti di contatto con le persone, piuttosto che, ad esempio, con il loro lavoro o un determinato hobby!

Come dicevo in un precedente post, il blog svolge una importante funzione di rappresentazione dell’identità in rete. Chi vuole riferirsi ad una persona che ha un blog ha un punto di riferimento preciso, dove si sa già che si troveranno sempre nuove informazioni su questa persona.

La prossima domanda allora potrebbe essere: “Perché scriviamo i blog personali?”

technorati tags:

I controlli del fisco

Oggi sono proprio in vena di lamentazioni…

Il fatto è che anche quest’anno si è consumato il rito della “richiesta di documentazione” da parte dell’Agenzia dell’Entrate. In pratica, al sottoscritto, purtroppo regolare pagatore di tasse sia come lavoratore dipendente che come professionista (non avendo in alcun caso a che fare con privati, anzi lavorando spesso con istituzioni pubbliche, come è noto, non si sgarra), quasi ogni anno arriva una simpatica lettera della suddetta Agenzia nella quale si invita, entro 30 giorni, a presentare tutta la documentazione (certificazioni di ritenute, spese mediche, assicurazioni ecc. ecc.) relativa ad una dichiarazione di qualche anno prima (in questo caso del 2004, redditi 2003).

Il malcapitato (io) cosa deve fare? Semplice, telefonare al commercialista, farsi preparare tutte le fotocopie, andarle a ritirare, portarle all’ufficio.

Tutto qui? E di che ti lamenti?

Eh, il problema è, come è accaduto questa volta, che può capitare che qualche ricevuta manchi, non si trovi subito, sia fuori posto… E allora? E allora di nuovo dal commercialista, di nuovo all’ufficio e finalmente la sospirata ricevuta dove si attesta che il contribuente “ha consegnato” quanto richiesto.

Risultato? Una colossale perdita di tempo (e soldi, pochi ma ..soldi) per me, il mio commercialista e, ovviamente, anche per l’ufficio che, spero, troverà che la documentazione è in ordine e tutto finirà lì.

Mi domando quindi: non sarebbe più produttivo per lo Stato provare, tentare, ipotizzare la ricerca di qualche evasore piuttosto che andare a caccia di qualche piccola irregolarità formale da parte di qualcuno che, tutto sommato, ..ha già ampiamente pagato?

Ammettiamo anche che trovino una ricevuta scritta storta e magari mi rifilino una bella multa, avranno davvero adempiuto alla mission (come si usa dire ora) del loro ufficio?

Oppure è tutto studiato e la direttiva è “bastonare quelli che sono già nella nassa” e lasciar perdere gli altri pescioni, liberi di nuotare nel… sommerso?

technorati tags:

Relazioni didattiche?

Qualche anno fa avevo trovato sul Web un geniale “generatore casuale di relazioni didattiche”, un “servizio di assistenza sociale” per insegnanti alle prese con la compilazione di relazioni e documentazione da scrivere rigorosamente in “didattichese”.

Si tratta ovviamente di uno scherzo ma vale la pena di provare…

La pagina originale non è più disponibile, allora ho pensato di riproporla!

technorati tags:,

La macroproblematica

Aritanghete! Oggi pomeriggio, di nuovo la connessione ADSL non va!!

Telefono prontamente al gestore (Tele2, è meglio fare pubblicità ;-)) e dopo i consueti passaggi tra gli operatori (devo dire, sinceramente, tutti simpatici e cordiali) l’ultimo di questi, il “tecnico”, mi dice: “ahh, caro signore, ma il suo caso rientra nella macroproblematica nazionale!”

Così, rassicurato e quasi felice di far parte di qualche macro-cosa, ho subito ringraziato e salutato il giovanotto che ha avuto solo il tempo di dirmi che entro un paio (sic!) di giorni dovrebbe tornare tutto normale.

Riprovo dopo dieci secondi e …boh! Funziona tutto!!!

Non è che sarò già uscito, zitto zitto, dalla macroproblematica?

Mi sento già solo…

technorati tags:

Senza ADSL

Da venerdì sera senza connessione Internet! Due giorni offline per riflettere sull’autentica dipendenza da ADSL che temo di avere sviluppato (e credo anche di non essere l’unico…).

Sapere che il mondo là fuori va avanti, che nuovi post appaiono sui blog che seguo in RSS, che decine di email si accumulano, non avere la risposta a mille questioni che giornalmente trovano soluzione sul Web: che disastro!!!

Non è come quando si è in vacanza: lì il distacco è voluto, ricercato e desiderato, questa deprivazione è invece forzata e mette ansia.

E oggi, quando finalmente tutto riappare, che sensazione di essere di nuovo “parte del mondo”. Tutto ciò mi appare al contempo magnifico e tremendo: quali effetti ha davvero la Rete su di noi?

technorati tags:

Ms. Dewey

L’interfaccia ultra-pulita di Google ha un po’ stancato?

Ecco un’alternativa: la simpatica (e impaziente…) Ms Dewey!

Perché impaziente? Provate a collegarvi senza digitare niente, state lì sul sito a lungo e …guardate che succede… 🙂

Certo poi la finestra dei risultati è… beh … ognuno giudichi…

technorati tags:,

Nel Trentino non c’è il mare!

E’ talmente ovvio! E’ certamente questo il motivo che costringe i poveri, poverissimi, pescivendoli di questa regione così lontana dalle coste, a campare con €3.472 l’anno…

Invece il caldo clima pugliese invita certamente a camminare a piedi scalzi, sicchè gli sventurati calzaturieri riescono ad alzare solo €1.856.. Ma, tra l’altro, non era proprio la Puglia il “tacco” dello stivale?

Chi volesse leggere la tabella completa e l’articolo collegato può provare a immaginare quali possano essere le calamità che affliggono così tanti lavoratori autonomi italiani…

technorati tags:




in English

Google
 
Web questo sito

RSS feed generale
Feed for English posts

Powered by FeedBurner


View anto's profile on slideshare

I support I support free learning
DCA

Anto's shared items in Google Reader


follow antonf at http://twitter.com


Visualizza la mia pagina su Codice Internet


Poesia automatica


by Voodoobytes
pompe distorte
addentano
dischi maledetti

About

You are currently browsing the Anto'stuff weblog archives for the month ottobre, 2006.

Longer entries are truncated. Click the headline of an entry to read it in its entirety.

Categories


Libri su aNobii


My StumbleUpon Page