Archivio per marzo, 2006

Il progetto Sloop

Un gruppo di colleghi, docenti dell’ITSOS “Marie Curie” di Cernusco sul Naviglio, sta lavorando ad un ambizioso progetto, denominato SLOOP, operante nell’ambito del programma UE Leonardo.
Aldilà del complicato acronimo (Shared Learning Object…ecc. ecc.), l’obiettivo è tanto interessante quanto ambizioso: trasferire la filosofia dell’Open Source ai contenuti per l’e-learning. Continue reading ‘Il progetto Sloop’

Web 2.0

Ne ho parlato anche ieri, durante la mia lezione al Master.

Cos’è questo Web 2.0? Una nuova versione di qualche browser? Un nuovo tipo di HTML? Un Web “parallelo” di cui non ci siamo mai accorti?
Niente di tutto questo: questo stesso sito/blog, del.icio.us, elgg, flickr (tanto per citarne alcune) sono applicazioni che appartengono a questa nuova, (come chiamarla?) corrente: Web 2.0 significa che il web tradizionale, limitato, unidirezionale, “a sola lettura”, è finito!!
W il nuovo web interattivo, il Web 2.0 appunto!
Naturalmente ci sono già terabyte di documentazione sull’argomento, si può partire da Wikipedia , da questo articolo o da quest’altro. Proprio in quest’ultimo c’è un passaggio interessante che riporto integralmente:

The Web of documents has morphed into a Web of data. We are no longer just looking to the same old sources for information. Now we’re looking to a new set of tools to aggregate and remix microcontent in new and useful ways.”

Questi microcontenuti da aggregare e rimescolare mi ricordano qualcosa….non è che il paradigma dei learning object sta passando all’informazione tout court?

Meditate, gente…

Da FrontPage a WordPress

Avevo un vecchio sito Web. Non mi vergogno: era fatto con FrontPage!
Avevo anche un abbozzo di blog, su blogger…ma non ci scrivevo quasi mai niente!!

Ieri, impiegando non più di tre ore, quattro se includiamo la ricerca del tema, l’ho completamente reimpostato utilizzando WordPress.
Il risultato è questo…Come si diceva in una pubblicità televisiva: a me mi piace!

Uno strano fenomeno: il blog è online da ieri sera, e già qualcuno ha inserito un commento!!!!!

E’ nata la comunità italiana di LAMS!

Come spesso accade, così, un po’ per caso, mi sono trovato a “tenere a battesimo” la comunità italiana di utenti LAMS. Forse “utenti” è ancora una parola …grossa, comunque si tratta di un gruppo di insegnanti ai quali ho avuto la ventura di mostrare LAMS durante una docenza per il Master “E-learning, progettazione e learning object”, organizzato da Garamond e Università della Tuscia.
Ebbene, alcuni corsisti si sono appassionati e hanno dato vita spontaneamente a questa community, inserendosi subito nella più ampia comunità internazionale di LAMS.
La prima iniziativa è la traduzione in italiano del manuale d’uso..Da qualche parte bisogna pur cominciare, no? Fare clic con il pulsante destro del mouse qui per scaricare le immagini. Per motivi di riservatezza, il download automatico dell'immagine da Internet non è stato eseguito. sorridente

Per saperne di più: http://www.lamscommunity.org. E’ necessario registrarsi e unirsi (join) alla “Non English Speaking community”)

Del.icio.us

Già il nome invita alla prova..
del.icio.us è un sistema di archiviazione dei “preferiti”, quelli che normalmente teniamo in modo più o meno caotico nell’omonima voce di menu del browser.
La particolarità di del.icio.us è, oltre alla possibilità di associare parole chiave ad ogni link, consiste nel mostrare chi altri, tra gli utenti del servizio, ha quel link tra i propri preferiti!
E’ pertanto un sistema di social bookmarking. Qui a destra c’è un esempio dei più recenti link provenienti dal al mio del.icio.us personalizzato, ma voglio anche segnalare una guida all’uso (in inglese) che tratta anche dei potenziali risvolti didattici.

Un..learning object?!?

Se lo stesso oggetto è diventato un’opera d’arte allora può anche essere un oggetto di apprendimento. Questo articolo su un blog finlandese spiega come e perché.
L’importante, dicono (e Stephen Downes concorda) è l’uso. Se un qualsiasi oggetto viene usato per l’apprendimento, allora è un learning object.
Sarà! Certo è che in molti bagni pubblici può capitare di “imparare” qualcosa, basta leggere i “graffiti” che si trovano sui muri….:-)




in English

Google
 
Web questo sito

RSS feed generale
Feed for English posts

Powered by FeedBurner


View anto's profile on slideshare

I support I support free learning
DCA

Anto's shared items in Google Reader


follow antonf at http://twitter.com


Visualizza la mia pagina su Codice Internet


Poesia automatica


by Voodoobytes
camerateschi merluzzi
adescano
false maratone

About

You are currently browsing the Anto'stuff weblog archives for the month marzo, 2006.

Longer entries are truncated. Click the headline of an entry to read it in its entirety.

Categories


Libri su aNobii


My StumbleUpon Page